Sternatia - Centro storico e antico frantoio ipogeo

Lo stemma del comune di Sternatia raffigura un dragone inserito in un mappamondo stilizzato. Il dragone e il mappamondo starebbero a simboleggiare le origini di Sternatia. Si vuole, infatti, che qui sorgessero anticamente sette masserie fortificate che, per potenziare la loro capacità di difesa, si unirono, dando vita ad un unico centro abitato. Il dragone è il simbolo della forza conquistata dalla nuova aggregazione; il mappamondo indica il processo unitario grazie al quale sorse Sternatia. Il paese è ricco di storie ed aneddoti basati su verità e miti ed è proprio un personaggio della leggenda popolare che accompagnerà i visitatori in questo percorso di circa un’ora, tra le vie del piccolo centro storico. Una guida turistica vestita da sciacuddhi (un folletto dispettoso) in abiti d’epoca, introdurrà ai partecipanti la storia della città, partendo proprio dai luoghi simbolo a cui sono legati la vita, la società e la politica di Sternatia. Si partirà dall’ingresso del centro storico per proseguire lungo la via diritta che taglia in paese, arrivando ad uno dei frantoi ipogei più conosciuti nel paese: qui incontreremo il secondo personaggio, un trappitaru cioè un lavoratore dell’olio che viveva all’interno del frantoio. Proseguendo ci imbatteremo in Giulio Antonio Acquaviva, nobile del 1400 importante per la storia del paese.